sabato 31 luglio 2010

Repetita iuvant: dettagli OCBK (Operazione Campo Base Kama)

Nei giorni scorsi avevo illustrato il progetto OCBK, ovvero un piano di allenamento post-vacanziero, di progressivo avvicinamento alla partenza dei corsi del 6 Settembre.

Rispondo a tutti coloro che mi hanno chiesto maggiori specifiche.

Nel dettaglio, la pianificazione di questa opportunità prevede la possibilità di orientarsi su tutte le discipline che proponiamo, privilegiando quella/e su cui si preferisce concentrare maggiormente il proprio impegno, in assoluta libertà.

Grappling, Bjj, MMA, Striking, allenati tecnicamente e da un punto di vista del condizionamento.

Come già detto, ci si potrà cedicare allo sparring o al condizionamento, piuttosto che attendere ancora qualche settimana prima di forzare, accedendo alle classi per curare la parte tecnica.

Accesso libero per tutti, con pagamento "ad ingresso" (2 euro per i soci dell'Accademia e 5 euro per gli esterni).

Gli orari di pratica si potranno estendere dalle 10 alle 21.30, dal Lunedì al Venerdì, ma è necessario accordarsi (io ci sarò sempre in serata).

Buone vacanze e...buon rientro!

Roger Gracie: un Maestro anche nel difendere

Roger Gracie, 8 volte Campione del Mondo di Jiu Jitsu,  tra le cinture nere. Vincitore nel 2005 del maggiore torneo di Grappling del Mondo: ADCC.
Imbattuto nelle MMA.
Finalizza tanto, ma sa anche uscire dalle situazioni peggiori. Difendersi, per poi attaccare e vincere.
Ecco come:

giovedì 29 luglio 2010

Laws of fighting (le leggi del combattimento) di Tim Lajcik

 Se inserite il nome Tim Lajcik nella casella di ricerca, troverete quanto già era stato scritto su questo fighter, veterano dello UFC e di eventi giapponesi, ma già prima wrestler e pugile dilettante di eccellente livello, oltre che coach di successo.
Tim Lajcik, a 45 anni, tornerà a combattere ad Agosto, dopo 8 anni di inattività. 
Un rientro come ce ne sono tanti forse, ma la persona merita attenzione per stile, classe, cultura e competenza.
Suggerisco le 10 "leggi" che Tim Lajcik propone per chi combatte. E' in inglese, ma vale la pena leggerlo.
E magari dare un'occhiata al blog
Lajcik's Laws of Fighting #1: Conditioning is an Offensive Weapon
While most fighters are content to attain a level of fitness that enables them to go the distance in a fight, you must approach training with the conviction that conditioning will become your most potent weapon.
It's not enough to simply "last", you must train to dominate. Prepare mentally and physically to maintain a level of intensity and relentlessness that your opponent is unable or unwilling to sustain.
From a conditioning standpoint, make it your objective to push your opponent to the point where he wants out of the fight just as badly as you want to take him out. At that moment he begins fighting two people, you and himself, and usually succumbs to defeat soon thereafter.
In some of the Laws that follow I will give a general outline of the type and progression of training necessary to reach the level of conditioning I'm describing. Certainly it doesn't come easily. Still, if the degree of physical and mental intensity I'm suggesting seems out of your grasp, try thinking in these terms:

In each exchange, flurry or scramble for position you need only persist 2-3 seconds longer than your opponent.

When striking from the feet, that means throwing the last punch or kick in each exchange. When grappling, execute the last counter in every flurry or out-hustle your opponent by 2-3 seconds in each scramble for position. Two to three seconds. Consciously make the commitment to that "throw the last punch" mentality and your body will begin to follow.

Lajcik's Laws of Fighting #2: Develop your conditioning gradually and progressively
Athlete - Training Tips

Effective training involves a continual process of overload and adaptation. That is, consistent workouts produce a stress (overload) that your body seeks to alleviate by growing stronger and more fit (adaptation).
As your physical capacity improves, more is required (i.e. you must run faster, lift heavier weights, spar longer or with greater intensity) to overload your system and affect further positive physiological adaptations. Unless you gradually ask more from your body, your training will yield minimal improvement.
However, if you push too hard, too quickly you risk overtraining or injury. For this reason, "fighting shape" is best attained in a systematic, step-by-step manner. My training typically encompasses four distinct stages: (1) base conditioning, (2) intensive preparation, (3) pre-fight restoration and (4) post-fight recovery. Because each fighter has individual needs and limitations, and different types of training equipment at his disposal, I'll offer a general guideline of what each phase entails, rather than give specific exercise prescriptions.
The goal of the base conditioning phase of the training cycle is to build up the cardiovascular system, lung capacity, and muscular strength and endurance. The bulk of your aerobic conditioning should be performed at 65-80% of your maximum heart rate for periods of 20-60 minutes. This is also the period to focus most intently on addressing and correcting any technical weaknesses you may have, as well as adding new fighting skills. The base conditioning stage can last anywhere from 2-16 weeks, depending on several factors, including your current level of fitness and whether you have a bout scheduled in the near future. 

Lajcik's Laws of Fighting #3: In training, as in competition, you must frequently thrust into pain
Athlete - Training Tips
As you approach extreme levels of physical exertion your body will naturally send a sensation of discomfort to your brain in an effort to convince you to slow down. Your body is geared towards homeostasis and prefers to stay within the parameters of moderate exertion. If you become anxious and reflexively pull back every time you experience the pain of fatigue, you will never actualize your potential as a fighter. Understand that your body's capacity is always greater than your mind is initially willing to concede.
Take this example. Many years ago I read an article in a powerlifting magazine extolling the benefits of a weight training routine centered around a twenty-repetition set of squats. The author suggested loading the bar with a weight that would normally be a challenge for ten reps, then squat it twenty times. The first time I read this idea I naturally resisted accepting it, thinking "if I can only squat a given weight ten times, how can I expect to squat the same weight for twenty repetitions?" In the end, though, I decided to suspend logic and commit myself to this twenty-rep principle. Here's what happened:
I loaded the bar with 455 pounds, a weight that was typically a challenge for me to complete ten repetitions. Before taking the bar onto my shoulders I resolved I would perform twenty reps, fixing that goal in my mind. I grasped the bar, touched my forehead to the center knurling, took a deep breath, positioned myself under bar, then lifted it from the rack. Absolutely focused on the destination of twenty I completed the first ten deep squats rather mechanically without any real strain. My legs and back still feeling strong, I remained resolute as I entered uncharted territory, methodically completing another four repetitions before I began to feel fatigue. The next three reps required great concentration. I took them one at a time, reaffirming my resolve for the next squat at the completion of the previous one. After the seventeenth rep my hands were numb and my thighs began to shake. I was too close, however, and quitting was not even a remote consideration. I entered another realm, one I've since revisited many times in training and competition. I let go and simply allowed myself to be pulled towards my goal. Not only did I accept the pain of fatigue, with something akin to rapture, I thrust myself into it…18…19… then 20!

The body itself may require only a few of months of hard training to get fit. The rest of the time you're building your spirit- your guts- so that they'll work for you in a fight without your thinking about it.
Lajcik's Laws of Fighting #5: Train Around Injuries
Athlete - Training Tips

Intelligent preparation and good, mindful sparring partners can minimize the risk of getting hurt, but occasional injuries are inherent to combative sports. Trying "gut it out" and train through injuries only prolongs the time it takes to heal and puts you at risk for even more serious injury. There's also the likelihood that you will unconsciously develop bad technical habits as you alter your mechanics to avoid painful movements or positions.

Your first order of business is to have a good team of health care professionals on your side to help you properly assess the nature of your injury, how to rehabilitate it, and how to return to fight-preparedness as quickly as possible.
At the same time, you generally want to maintain or improve as best you can your fitness and skill level while recovering from an injury. One way to do that is to continue to stay as active as reasonable while you heal. Though an injury may temporarily force you out of your regular training routine, typically you don't have to experience a long-term loss of conditioning. Find alternative methods of training while on the mend.

What follows are examples of general injury sites and creative ways to "train around" them without significant loss in conditioning levels, and allowing, in most cases, a faster return to normal training:
Upper-body Injury: Swim with kickboard; Stationary cycle; Elliptical machine; Hiking; Stair climbing; Lower-body resistance machines; Training unaffected limb.
Lower-body Injury: Swim with pull buoy; Upper-body resistance training; Upper-body ergometer; Seated punching on heavy bag; Seated speed bag work; Training unaffected limb.
Also, the time spent recovering from an injury often allows an opportunity to address neglected or less familiar skills. For example, as a college junior I suffered a serious knee injury in a football game that ended my season. The team doctor told me that my career as a competitive athlete was likely finished. I was pretty shaken up by the doctor's assessment and the day after my cast was removed I began doing heavy squats on my unstable knee. Panicked at the prospect of losing the thing I loved most, I gravitated towards the type of physical training I knew and did best even though it surely undermined the healing process.
Lajcik's Laws of Fighting #6: Breathe deeply
Athlete - Training Tips
Of all the skills I've developed, learning to breathe deeply has given me the greatest return relative to the time and effort invested. One advantage of deep diaphragmatic breathing is obvious- you simply take in more replenishing oxygen. Another benefit, often overlooked, is that breathing deeply, when practiced regularly, is effective in reducing anxiety, muscle tension, fatigue and stress. When a fighter feels tense or overexcited he will often react by either holding his breath or taking rapid, shallow breaths from the upper chest. Both of these responses tend to create even more tension and lead to impaired performance. Studies have demonstrated time and again that a person cannot occupy opposing physiological and emotional states. That is, an anxious mind cannot exist in a relaxed body; nor, can a quiet mind exist in a tense body.
Lie down on the floor and put a book on your abdomen. It should rise and fall as you breathe. If it doesn't, you're not breathing fully enough to produce the relaxation response. Now, replace the book with one hand on your abdomen and the other on your chest. Breathe in through the nose, out through the mouth. Notice how they rise when you breathe in and fall when you breathe out. Most people in Western culture tend to be shallow "chest-breathers". That is, when they inhale only the chest rises and falls.
During inhalation, the diaphragm should move down, pushing the abdomen out and creating space in the lungs. The lungs fill with air from the bottom up. Practice breathing with this focus: push the diaphragm out, forcing the abdomen out. Fill your lungs with air starting at the bottom, and slowly expanding through the middle portion of the lungs by expanding your chest cavity, raising the rib cage and chest. Finally, continue filling the upper portion of the lungs by raising the chest and shoulders. During the exhalation, pull the abdomen in and lower the chest and shoulders to empty the lungs in a "sigh". Let go of all muscular action at the end of the exhalation to promote relaxation in the chest and abdomen.

When I was first exposed to diaphragmatic breathing I consciously adopted a practice of mindfully taking five deep breaths every time I saw a clock or watch throughout the day. This seemed a good way to practice, first, because seeing a clock or watch was a fairly common and regular occurrence, so I was able to get a lot of practice repetitions each day. And secondly, often when I looked to see the time it was because I was in a hurry or running late for an appointment. This gave me the opportunity to practice breathing in mildly stressful situations.

While the exercises can be learned in a few minutes with immediate benefits, persistent practice will produce maximum results. Deep breathing can also be used in conjunction with other strategies such as the meditation or visualization exercises noted in Law #10.

Lajcik's Laws of Fighting #7: Your well-conceived offense has a built-in defense
Athlete - Training Tips
This basic notion permeates my fighting style as well as every individual technique I use and teach. Because its relevance is so broad, however, it has proven to be a difficult concept for me to articulate in writing.
My objective in every fight is simple- to defeat my opponent as quickly and decisively as possible, while incurring the least possible amount of damage to myself.
This involves integrating my offense and defense- using offensive techniques that don't leave me exposed or vulnerable to my opponent's simultaneous or counter attacks. Straight punches originate and end at cheek level, out and back on a line so that the shoulder directly involved in the punch protects one side of the face, while the opposite hand protects the other side.
Or, when I throw a left hook my right hand pulls back hard to cover the right side of my face. This not only adds snap to my punch, it also protects me from my opponent's left hook, which is the most common threat in that situation. By using offensive techniques that are defensively sound, you can attack with aggressive confidence, unafraid of taking punishment when you engage.If you lack confidence in your defense you'll generally adopt one of two fighting modes:
1) Point-karate mode, where you lean back to avoid your opponent's strikes even as you're attempting to throw punches. In doing so you effectively negate the force of your punches, rendering them meaningless. Or,

2) Caveman mode, where you abandon any semblance of defense, grit your teeth, and desperately flail in an attempt to knock your opponent out before he knocks you out.

I suppose this Law could just have easily been written as "your defense has a built-in offense," for it's not enough to just block an opponent's punch or avoid his takedown attempt. Your opponent will simply regroup and attack again, often with even greater resolve. Instead, always try to make sure your opponent feels a negative consequence for throwing a punch or attempting a takedown in the first place. Block, slip or weave each punch, then immediately counter punch while your opponent is extended. Or, when he attempts to take you to the ground, don't be content to simply avoid the takedown. Use your hips to crush his position, then work to secure the takedown yourself. Not only will you double the opportunities to score against your opponent, but your actions will have a lingering defensive effect. Think about it. If your opponent is always paying a price for mounting an offense, he may have second thoughts about initiating an attack as the fight goes on.

When I consider making a technique part of my arsenal, the technique must satisfy three criteria. First, it must have the potential to hurt or create an opening to inflict damage to my opponent. Second, it shouldn't present a defensive liability. And third, it must leave me in a position to continue attacking.
Lajcik's Laws of Fighting #8: Never underestimate your opponent
Athlete - Training Tips
I'll keep this short. Always expect your opponent to be damned tough and prepare yourself accordingly. It is always better to bring your absolute best to a fight and find that it's more than enough, than to give less than your utmost and discover that it's too little. When victory is at stake you owe your best effort. Anything less is disrespectful to both your opponent and yourself.
Lajcik's Laws of Fighting #9: Disregard your opponent's reputation or ranking
Athlete - Training Tips
While it's certainly a mistake to underestimate a rival, it's equally important not to succumb to intimidation when facing an opponent with impressive credentials. As you develop and move up the pecking order as a fighter it's likely and completely desirable that you'll encounter a higher level of competition. You'll face fighters you've read about, seen on television, perhaps even those that you've admired and sought to emulate.

Listen, fighting a good opponent is difficult enough. Don't compound the difficulty by battling the opponent and his lofty reputation. Focusing excessively on your opponent's past accomplishments usually leads to one or more of the following responses:

1) You convince yourself you can't win, in which case you almost assuredly won't.

2) You convince yourself that you can only win by doing something extraordinary, so you attempt techniques you're not familiar with or force ill-timed or exaggerated techniques out of desperation. Or,
3) While in the fight you spend more time watching your opponent than fighting him. Enthralled with his reputed skill you watch and wonder what he's going to do next. Instead of making your opponent deal with you, you become entirely reactive or, worse, passive.

Take heart. Every true champion has reached his position by beating a champion. The process is no different for you. Rather than allowing a phantom factor like "reputation" influence the fight's outcome, remind yourself to fight your opponent's body, not his name. By doing so you'll avoid distraction and self-doubt and simply focus your every fiber on defeating the man in front of you.
Lajcik's Laws of Fighting #10: Obliterate self-doubt
Athlete - Training Tips
Never discount the power of your thoughts. Pre-fight anxiety and self-doubt can wear you down physically and emotionally, making you feel as though you've fought three fights before the actual bout ever begins. Adequate preparation will prevent many potential uncertainties and worries, but oftentimes a few nagging doubts persist. I've found it helpful to adopt the following pre-fight ritual to assuage those lingering fears.
A few hours before a fight I'll sit alone and quietly reflect on all the reasons I might have for giving a less-than-peak performance.The twinge of pain in my shoulder, the three days of training I missed due to a case of the flu, the pressure of other people's expectations- every negative thought that enters my mind; I acknowledge and mentally take note of each one. Eyes closed, I vividly imagine writing each and every defeatist thought on a sheet of paper. When I've completed my "list" I review it once more to make certain I haven't overlooked any situation or condition, real or imagined, that might potentially undermine my performance. In my mind every negative factor leading to the fight is there on that paper in black and white. Then, I imagine crumpling up the list in my hands and throwing it into a fire. I watch as it burns and the negative thoughts go up in smoke. They're gone, the emergency brake of self-doubt gets released, and my conviction to win becomes absolute. This practice of mentally imagery has consistently helped me perform at a high level in situations where circumstances were less than ideal, including wrestling in the NCAA Championships days after extensive reconstructive facial surgery, and competing in the Ultimate Fighting Championship two weeks after an emergency appendectomy. Combining psychological preparation with physical training will help make even your "bad" days better than most fighters' good ones.

martedì 27 luglio 2010

Il Krav Maga raddoppia

Grazie all'ottimo lavoro svolto dal Maestro Pietro Silighini, il gruppo di Krav Maga, unica disciplina "non da combattimento" dell'Accademia, reclama più spazio.
Ecco quindi che, per tutti gli appassionati di questo sistema di Difesa Personale, il corso si svolgerà, sempre di Mercoledì, ma su due turni: 19-20.15 e 20.15-21.30.
Si dovrà scegliere uno dei due orari, ma si potrà, pagando un abbonamento leggermente superiore, accedere ad entrambe le classi.
Il bellissimo ed affiatatissimo gruppo dei praticanti di KM sarà capeggiato in entrambe le classi dall'irriducibile Pietro, pronto a ricevere le nuove leve della stagione 2010/11.
Ulteriori dettagli saranno aggiornati su questo blog e sul sito , nelle prossime settimane.
Ribadisco il mio personale ringraziamento a Pietro, che nel volgere di un anno ha dato vita ad un corso di grande successo.

mercoledì 21 luglio 2010

Complimenti all'Ingegnere Ceppi

Complimenti ad Alberto, che ha ottenuto la Laurea in Ingegneria, in linea con il  regolare percorso accademico.
Il Jiu Jitsu ed il Grappling non aiutano a risolvere una equazione, ma, di certo, non sono di ostacolo per chi voglia imparare a farla.
I risultati nello Sport, praticato quotidianamente, non hanno infatti impedito al nostro alfiere di mantenere il ritmo negli studi, allenanandosi e gareggiando fino alla vigilia della tesi.

lunedì 19 luglio 2010

Chantal Ughi, il sogno di diventare Fighter

Chantal Ughi, modella e attrice, nata a Milano, ha vissuto a lungo tra Parigi e New York. Un giorno decide di cambiare tutto. Parte da New York e va in Thailandia, per diventare fighter di Muay Thai. Diventa Campione del Mondo e, ad oggi, ha collezionato più di 30 incontri. Il suo sogno si è coronato.

domenica 18 luglio 2010

OCBK (Operazione Campo Base Kama)

OCBK (Operazione Campo Base Kama) è il programma di training che vedrà la possibilità, per tutti coloro che faranno vacanza entro la prima quindicina di Agosto, di allenarsi dal 16 fino all'inizio ufficiale dei corsi, previsto per il 6 Settembre.
L'opportunità offre a tutti la possibilità di allenarsi in orari elastici, da mattina fino a sera (senza mai finire troppo tardi) e con assoluta libertà (si pagherà ad ingressi).
Ciascuno potrà poi aderire ai singoli aspetti dell'allenamento, privilegiando quello su cui vorrà focalizzarsi maggiormente (condizionamento fisico-tecnica-sparring), oppure aderendo "in toto" alla classe.
Mi spiego meglio.
Chi vorrà fare un pò di tecnica, potrà allenarsi in quell'aspetto, evitando condizionamento e sparring. Colui che vorrà fare un pò di sparring, viceversa, potrà farlo dedicando 20-30 minuti della sua giornata per mantenersi in forma e migliorare il proprio livello. Idem per chi voglia fare tecnica e non sparring o condizionamento.
OCBK inizierà il 16 Agosto, ma si potrà aderire in qualsiasi momento (il 20, il 24, il 30, ecc).
Di diritto a questo programma aderirà Alberto, in preparazione per gli Europei di Settembre.
E' prevista la pratica di Grappling e BJJ con GI, senza GI, Striking e MMA, dal Lunedì al Venerdì.
Chiunque fosse interessato all'iniziativa (anche di altre Accademie), potrà parlarmene (se della Kama) o contattarmi (se esterni).

Shynia Aoki vs Joachim Hansen: DREAM 11

Sfida tra Shynia Aoki e Joachim Hansen. Il giapponese uno specialista di Bjj e Judo, il norvegese un ottimo striker, ma con solide basi al suolo.
Finale da non perdere.

venerdì 16 luglio 2010

La leadership

Per leadership si intende un processo di influenza interpersonale, orientato al raggiungimento di particolari obiettivi che uno o più membri del gruppo esplicano nei confronti degli altri in virtù di qualità "polarizzanti".

Nello sport l'allenatore svolge tale ruolo che è influenzato dal proprio "stile" pur mantenendo i medesimi compiti (dirigere, decidere, organizzare, pianificare, istruire, formare, sviluppare, supportare, motivare, valutare).

L'allenatore svolge tali compiti nei confronti degli atleti attraverso:

· trasmissione e sviluppo delle competenze sportive;

· costruzione ed organizzazione del gruppo-squadra (teambulding);

· mantenimento di ordine e disciplina;

· pianificazione dei compiti e programmazione delle attività in vista del raggiungimento degli obiettivi prefissati;

· supporto sociale e motivazionale.

Le caratteristiche per una leadership positiva ed efficace sono:

1. sapere che il proprio ruolo è "servire" e non "essere serviti"

2. creare una cultura in cui tutti si sentano parti importanti dell'organizzazione

3. dare direttive chiare

4. abituarsi ad essere efficaci, con poche parole

5. conoscere la differenza tra intensità ed emotività

6. criticare in privato e lodare in pubblico

7. separare l'errore dalla persona che sbaglia

8. enfatizzare il lavoro di squadra, piuttosto che l'individualità

9. focalizzare il futuro senza trascurare l'immediato

10. accettare critiche e rimproveri

Un modello per meglio comprendere e conoscere la leadership è quello multidimensionale di Chelladurai (1990).

In tale modello, le caratteristiche del coach, quelle del gruppo-squadra e della situazione vengono ugualmente prese in considerazione; la performance e la soddisfazione dei membri del gruppo sono in funzione del grado di congruenza tra:

· comportamento richiesto (dal contesto)

· comportamento reale del leader (percezione)

· comportamento preferito dal gruppo (desiderato)

Tale congruenza è valutabile anche grazie al Leadership Scale for Sport (Chelladurai & Saleh, 1980).

La leadership di un allenatore è influenzata dal suo stile decisionale che esprime, tra l'altro, alcuni tratti della sua personalità. I 5 principali stili decisionali secondo Vroom e Jago (1978):

1. Autocratico I: prende personalmente le decisioni basandosi sulle informazioni ottenibili;

2. Autocratico II: ottiene le informazioni necessarie dai membri e decide da solo;

3. Consultivo I: condivide i problemi con i membri più influenti del gruppo consultandoli individualmente, tiene in considerazione le loro idee e prende da solo le decisioni;

4. Consultivo II: condivide i problemi con tutti i membri riuniti, tiene in considerazione le loro idee e prende da solo le decisioni;

5. Stile di gruppo: condivide i problemi con il gruppo, lascia che questo generi ed esamini delle soluzioni alternative e giunge a una soluzione consensuale.

mercoledì 14 luglio 2010

Sakuraba vs Galesic -DREAM 12-

Appesantito, logorato da decine di battaglie, ma dal talento cristallino: Kazushi Sakuraba ed una magica finalizzazione.

lunedì 12 luglio 2010

Fine stagione 2009/10

 Sono gli ultimi allenamenti della stagione. Qualche riga per ricordare una annata che ci ha permesso di cogliere risultati impensabili solo dodici mesi fa. Podio agli Europei di Bjj, vittorie e piazzamenti in numerose gare di Bjj, una vittoria agli Italiani di Grappling, vittorie in tornei internazionali di Grappling (con e senza GI) l'organizzazione di un evento internazionale di Grappling e molto altro che, seminato quest'anno, maturerà nella prossima stagione.
Il valore di un Uomo (e di una Donna, ovviamente) si misura, nel bene e nel male, quando si trova ad affrontare le avversità.
Nei momenti difficili (qualcuno c'è stato), abbiamo stretto le fila e tenuto duro. Non dimenticherò il supporto e la presenza di coloro che ci sono stati, coloro che, da Uomini, non hanno mollato. Coloro che sono venuti sempre: infortunati, la sera prima di un impegno importante o al termine di una dura giornata.
Nessuno ha la pretesa di formare Uomini, ma abbiamo, semplicemente, la volontà di trattare con  Uomini. Gente coraggiosa, in grado di difendere se stessa, una persona o un ideale in cui crede.
Grazie al lavoro di chi ha mandato avanti la "baracca", tra Maggio e Luglio (ovvero  in piena fine stagione) , abbiamo contato quattordici nuovi iscritti. E a molti altri ho chiesto di pazientare fino a Settembre.
Si può vincere e si può perdere, ci si può allenare per divertimento o per fare agonismo. Tutto questo è secondario. Noi vogliamo innanzittto trattare con Uomini. Gente coraggiosa, di parola e di carattere. Gente che non si nasconde.
Grazie a tutti per questa fantastica annata, siete stati grandi e vi ringrazio! 
Infine un grande abbraccio a Mauri, un guerriero che voglio rivedere presto sul tatami.
Questo è il nostro spirito.

venerdì 9 luglio 2010

Sparring di Boxe con Vincenzo Finzi

Stasera siamo stati ospiti della Palestra di Boxe e Kick Boxing sita sull'Altopiano di Seveso.
Erno ed Andrea hanno potuto allenarsi con uno sparring di assoluto livello: Valerio Finzi, Campione del Mondo di Kickboxing e Pugile professionista.
Una seduta intensa e senza interruzioni, che ha visto impegnato Erno per 5 round ed Andrea per 3.
Ringraziamo, per l'ospitalità, il Maestro Giancarlo Gallazzi, gentilissimo padrone di casa, e Vincenzo Finzi, che ha messo a disposizione la sua grande esperienza in favore dei nostri atleti.
Nelle prossime occasioni, oltre al Pugilato, vedremo di migliorare la parte relativa alla Thai, procurando ai nostri guerrieri lo stesso livello di sparring e training.
Intanto, già Venerdì prossimo, si torna a Seveso!

A grande richiesta: "cravatta peruviana"

giovedì 8 luglio 2010

Genki Sudo, "follia" e talento

Genki "Neo Samurai" Sudo, classe 1978, si è ritirato dalle MMA nel 2006, a soli 28 anni.
Sudo è stato un fighter con ottime basi di striking (ha sostenuto moltissimi incontri nel K1), combinate con un Jiu Jitsu di assoluto livello (è cintura nera).
Tutto ciò ha fatto di lui un fighter spettacolare e talentuoso, coreografico e carismatico. La risposta del K1 Hero's (organizzazione di MMA e K1) a Sakuraba del Pride.
Ha terminato la carriera nelle MMA con un record di 16 vittorie, 4 sconfitte ed un pari ed ha combattuto in 3 edizioni dello UFC.



Contro Ramon Dekker

mercoledì 7 luglio 2010

Matt Hughes: allenamento

Two parts: one when training in Hillsboro and one when training in Granite City: Hillsboro:
6:00 AM – run for 30-45 minutes (Monday, Wednesday, Friday)
6:45 AM – eat breakfast, take son to school, work on farm, miscellaneous errands
10:00 AM – eat a snack, good carbs and protein (NO SUGAR)
12:30 PM – eat lunch (usually a chicken breast sandwich and salad)
4:00 PM – lift weights, no more than 1 hr:
Nutritox Supplement Schedule:
Pre Run – 10grams of Whey protein, 1 scoop FREE, 3 Heart Beat Complete
Breakfast – 2 Athletic Multi Vitamin, 2 Joint Renew
Lunch – 2 Athletic Multi Vitamin
Pre Workout – 10grams of Whey protein, 1 scoop FREE, 3 Heart Beat Complete
Post Workout – Protein Drink*, 1 scoop FREE, 2 Athletic Multi Vitamin, 2 Joint Renew
Monday – chest
(I hate chest workouts and if I don’t start the week with chest I won’t do it)
Tuesday – back
Wednesday – might take the day off (lift saturday if I do), maybe arms
Thursday – shoulders
(always separate shoulders and chest as much as possible because they are both push muscles)
Friday – arms
Saturday – legs
1st: 15 reps
2nd: 10-12 reps
3rd: no more than 6
4th: 10-12 reps
4 exercises per body part
5:00 PM – 30 minute run on treadmill, start at 6 mph and every five minutes go up 1/2 mile per hour
5:30 PM – stretch for 15-20 minutes after workouts take Cytosport Musclemilk (my post-workout meal)
Granite City:
6:00 AM – run for 30-45 minutes (Monday, Wednesday, Friday)
6:45 AM – eat breakfast
8:30 AM – arrive at the gym
8:30-9:30 AM – lift for 1 hour
9:30 AM – work on light technique like grappling or hit pads, run on treadmill or go outside and run sprints
12:00 PM – eat lunch and take afternoon off
3:00 or 3:30 PM – have a snack
6:30 PM – practice
Nutritox Supplement Schedule:
Pre Run – 10grams Whey protein, 1 scoop FREE, 3 Heart Beat Complete
Breakfast – 2 Athletic Multi Vitamin, 2 Joint Renew
During Workout – 1 scoop FREE in water
Post Workout – Protein Drink*, 1 scoop FREE, 2 Athletic Multi Vitamin
Pre Practice – 10grams Whey protein, 1 scoop FREE, 3 Heart Beat Complete
Post Practice – Protein Drink*, 1 Scoop FREE, 2Athletic Multi Vitamin, 2 Joint Renew
Monday – sparring with takedowns
Tuesday – grappling
Wednesday – sparring (punches and kicks with 16 oz gloves and headgear)
Thursday – grappling
Friday – no practice (might go into gym to get a run in)
After workout I take Cytosport Muscle Milk.

martedì 6 luglio 2010

Sino all'ultimo respiro

Sino all’ultimo respiro
© Articolo elaborato dall’autore, con modifiche, dal volume "Il Potenziale Umano" di Daniele Trevisani, Franco Angeli editore, Milano.  

Chiedersi qual è il proprio potenziale e quanto di esso abbiamo esplorato o raggiunto non è una domanda banale. Nelle Arti Marziali il confine non esiste. Non esiste limite al possibile apprendimento. È sufficiente cambiare disciplina, e ogni nostra acquisizione svanisce. I colpi cambiano. Le tecniche utili diventano inutili. Il valore del confronto e del rispetto tra discipline è qualcosa di dimenticato, nella ricerca di "chi sia meglio", una ricerca inutile. La vera ricerca è nel chi sia migliore a far crescere un ragazzo o ragazza e farlo diventare uomo o donna d’onore, forte nello spirito e nel corpo, capace di lottare per una causa, sino all’ultimo respiro.
Non tutti sanno o si chiedono perché insegnano o perché praticano. Porsi la domanda è fondamentale.
Questo accade in alcuni particolari momenti della vita in cui diventa importante per noi realizzare qualcosa, migliorare, ed esprimerci.
Quando questo accade, un sentimento dentro di noi cambia. Dalla realtà esterna iniziamo a spostare l’attenzione verso la realtà interna.
Ci poniamo domande, alcune di queste possono fare male, altre aprire nuovi orizzonti, ma non importa, poiché esse ci mettono positivamente in discussione. Nessuna domanda è inutile quando ragioniamo sul senso e sul significato di chi siamo e cosa vogliamo, quando ci chiediamo se e come vorremmo costruire qualcosa di cui essere fieri (una prestazione, o un contributo agli altri o ad una causa), o semplicemente essere diversi o migliori.
Per molti l’esito di una maggiore attenzione al potenziale personale è il desiderio di esplorarlo, o lasciare un segno, iniziare progetti, potersi guardare alle spalle ed essere fieri di come abbiamo vissuto, di quello che siamo e siamo stati, e dare un messaggio positivo a chi ci seguirà nel viaggio della vita. Per altri invece tutto rimane bloccato in una ruminazione mentale ininterrotta e auto-distruttiva. Le energie bloccate corrodono e distruggono anziché produrre e generare benessere, forza vitale, amore e passione.
La differenza tra i due risultati (crescita e sviluppo vs. ruminazione mentale negativa) sta nell’avere un modello e un supporto che aiuti a individuare meglio i traguardi, e i percorsi da intraprendere per arrivarci.
Insuccessi, cadute, blocchi, errori, fanno parte integrante di questo viaggio, ma il loro accadere non ne sposta minimamente il valore.
Ciò che differenzia un uomo da un sasso è che lo "stare compressi", sepolti, essere trasportati senza chiedersi dove, o rimanere pressati e immobili, è accettabile per il secondo ma non per il primo.
L’uomo ha un bisogno intrinseco di "volare", di esprimersi, di "ricercare", di dare senso alla propria vita, e persino ad ogni propria singola giornata o azione.
La ricerca vera nelle arti marziali e di combattimento è soprattutto una ricerca di senso e quando viene a confondersi con la ricerca di risultati agonistici stiamo sbagliando tutto. le arti marziali e di combattimento sono e devono essere soprattutto un mezzo di espressione e di crescita.
Chi nega questo bisogno di espressione e crescita applica uno dei meccanismi psicologici più autodistruttivi che esistono, individuato in letteratura come self-silencing: autosilenziarsi, uccidere le proprie aspirazioni, mettere il tappo ai propri sogni e bisogni, smettere di credere in qualcosa, pensare che tutto sia inutile, che non valga la pena, che le difficoltà sono troppe, o il mondo in fin dei conti sia sempre andato così.
Bugie. Bugie che ci raccontiamo per non entrare (giusto per usare un altro termine tecnico) in "dissonanza cognitiva", la condizione di disagio che incontriamo quando ci rendiamo conto che qualcosa nella nostra vita non sta andando come vorremmo, o che potremmo essere migliori o semplicemente diversi. Coltivare il potenziale umano è invece un momento di liberazione.
Esistono implicazioni anche sul piano medico: quando una persona è priva di energie mentali, o non ha più alcun valore o ideale a sorreggerlo, o mancano le competenze per far fronte alla vita, il corpo soffre e può arrivare ad ammalarsi¹.
Desiderare di progredire, porsi domande, "chi, cosa, dove, con chi, perché", è un obiettivo o passaggio inevitabile per ogni anima sensibile.
Dare impulso al viaggio della vita ha sempre senso. Ne può avere sia che si desideri unicamente una propria evoluzione personale, o che invece il percorso sia finalizzato al percorso professionale e aziendale.
Entrambi i viaggi hanno spessore e valore. Ambedue sono degni di attenzione e di supporto, perché una persona ferma e spenta non è utile a nessuno, così come non è utile avere imprese e team incapaci e demotivati.
I team più forti del mondo, e i più grandi campioni di tutti i tempi in ogni disciplina, o i più grandi pensatori della storia, sono tali perché continuano a porsi domande e non sfuggire" il richiamo della natura", la pulsione ancestrale che ci parla di evoluzione, che ci spinge a progredire, ad essere migliori.
Senza un modello che ci aiuti a trovare le direzioni di crescita, il nostro sforzo può risultare nobile ma vano. Si corre, ci si affanna, si investono tempi ed energie, ma spesso senza una buon mappa di orientamento. Il risultato è un’enorme dispersione.
Un buon modello, invece, aiuta a trovare più rapidamente la strada. Se un modello non offre stimoli, indirizzi e orientamenti, risulta completamente inutile, come orientarsi in una mappa sbagliata o capovolta.
Un modello del potenziale umano, inoltre, può essere utilizzato in progetti concreti di business coaching, di consulenza, di training aziendale, di coaching sportivo, ma anche nel counseling, nei corsi di leadership, nella formazione.
Da quando esiste, l’uomo si sforza di costruire mappe per orientarsi e non perdersi. Abbiamo mappe degli strati più profondi della terra, dei mari, del cosmo, ma – stranamente – non ci vengono fornite mappe efficaci per orientarci nel nostro sviluppo personale o nei territori inesplorati del potenziale umano. Accompagnare le persone in questo viaggio è, per me, un onore. Lo farò, lo faremo assieme, fino all’ultimo respiro.
¹ Una logica conseguenza che non possiamo nascondere è che la medicina dovrebbe quindi occuparsi anche di questi fenomeni, unendosi alla psicologia e ad altre scienze, in un unica disciplina del funzionamento complessivo dell’essere umano.

lunedì 5 luglio 2010

PRIDE: Fedor vs Cro Cop intro

Correva l'anno 2005. Il 28 Agosto Mirko Cro Cop avrebbe incontrato Fedor Emelianenko.
Una sfida tra titani che il Pride annunciava così:

domenica 4 luglio 2010

La magia del PRIDE

Il PRIDE ha avuto una magia ed un fascino ad oggi neppure lontanamente eguagliabili dalle promozioni attuali.
In una miscela di spiritualità, amore e rispetto verso i lottatori, si consumavano delle autentiche e meravigliose battaglie, in cui si fondevano Arti Marziali e Combattimento, Magia e Dramma, Violenza e Sacralità.
Il PRIDE ha rappresentato il livello massimo di espressione delle Arti Marziali Miste ed i suoi Eroi, i combattenti, hanno acquisito per il pubblico e gli appassionati un'aura quasi divina.
Il PRIDE ha rappresentato l'ambizione ed il sogno per una generazione di fighters.
Per dare una idea del livello organizzativo, questa è l'introduzione al Gran Prix 2005.

Brock Lesnar è di nuovo il Re dei Massimi


Per la prima volta Carwin ha sentito la sirena della seconda ripresa, e per la prima volta ha perso.
Per Lesnar, come per tutti i dodici che avevano affrontato Carwin prima di lui, il primo round si era messo veramente male.
Per contrastare le entrate di Lesnar, Carwin ha impostato una guardia molto bassa. Ha così bloccato un primo takedown di Brock, riportando il match in piedi, dove, nel giro di qualche istante, ha piazzato una combinazione a due mani. Il montante sinistro ha aperto la strada per una ginocchiata. Lesnar ha cercato di tenere, ma è andato al tappeto. Spalle a terra, nei pressi della rete e in una drammatica posizione, il biondo fighter americano ha visto partire il violento assalto in Ground and Pound di Carwin, che ha picchiato per quasi tre minuti.
Shane ha piazzato i suoi colpi con grande potenza, ma ha trovato una coraggiosa e stoica difesa nel suo avversario, che ha tenuto in maniera miracolosa ed è riuscito a rialzarsi sul finire del round.
Al termine dei primi cinque minuti Lesnar appariva segnato, ma in condizioni migliori di Carwin, che aveva probabilmente lasciato in quella lunga azione le sue migliori energie.
Nel secondo round, infatti, non era più in grado di bloccare l'atterramento del suo avversario. Lesnar passava quindi in monta, per poi transitare in  cento chili, con il braccio ed il collo del suo avversario catturati.
Arm triangle choke (triangolo con le mani). Da quella posizione Carwin era costretto alla resa.
Brock Lesnar di nuovo Re dello UFC.
Lesnar ha fugato ogni dubbio circa le sue condizioni fisiche, incassando colpi per quasi tutto il  primo round, e per mano di un fighter che non aveva mai risparmiato nessuno.
Ha dimostrato coraggio, cuore e atletismo, oltre ad avere chiuso il match con una finalizzazione, a testimonianza che, se il personaggio è antipatico ai più, è altrettanto vero che si tratta di una persona che si allena con serietà e scrupolo.
E' il miglior Peso Massimo nelle MMA? Non lo so. Ma ieri sera ha dimostrato che sarà veramente difficile batterlo,  per chiunque.

sabato 3 luglio 2010

Grinta, rabbia, rivalità: Cacareco vs Paulo Filho

Cacareco (Luta Livre) vs Paulo Filho (Bjj). Al termine, un discusso verdetto di parità. Sugli spalti la scatenata "torcida brasileira", la materassina che trasuda odio, rabbia e veleno.

Minotauro vs Bob Sapp: vinse l'Arte

Pride "Shockwave", 28 Agosto 2002. Antonio Rodrigo Nogueira, più noto come "Minotauro", affronta Bob Sapp, 155 kg di muscoli, che in carriera ha battuto per ko due volte Ernesto Hoost, nel K1. Successe di tutto, ma quella sera a vincere fu l'arte ed il coraggio di un lottatore di Jiu Jitsu.

giovedì 1 luglio 2010

UFC 116: Shane Carwin vs Brock Lesnar per il titolo

Shane Carwin difende il titolo ad interim che detiene. Lo aspetta il ritorno di Brock Lesnar, dopo un anno di inattività per motivi di salute.
Carwin ha un record impressionante, costruito su 12 vittorie per KO, tutte in un round. Veleggia sui 118 kg ed ha potenza devastante. Il suo wrestling è di livello, come quello di Brock Lesnar, del resto (120 kg al peso e  circa 15 in più nella gabbia).
Credo che vincerà Carwin perchè non penso che Lesnar abbia una boxe tale da permettergli di difendersi in piedi. Credo che proverà il take down subito o, in alternativa, se dovesse capire che con i colpi  si mette male. Ma per riuscirvi dovrà essere nettamente superiore, in quell'area del combattimento, rispetto al suo avversario. Diversamente, tentare a ripetizione l'atterramento, potrebbe rivelarsi un "suicidio"  atletico per Lesnar. Sono infatti ancora misteriosi i motivi che lo hanno tenuto lontano dai combattimenti per un anno e, di conseguenza, misteriose le attuali condizioni fisiche.
Personalmente dubito che Lesnar possa essere nella forma smagliante del 2009, per cui nessun pericolo se Shane dovesse sentire, per la prima volta, la sirena del secondo round.
Ma nelle MMA la sorpesa è sempre dietro l'angolo, per cui...massima attenzione.
Ecco il trailer: